Fiocchi di mani ad Aleppo, per Anas al-Basha

E i civili morti dicono che dalle tombe neanche si sente, il rumore degli aerei. Che sotto terra non riluce per niente la polvere da sparo. Che loro sono nel lato successivo del creato, opportunamente opposti alla nostra vita. Alla nostra guerra. Neanche Anas Basha voleva sentire, e credeva si potessero lasciare delle impronte tenereContinua a leggere “Fiocchi di mani ad Aleppo, per Anas al-Basha”